Tributo ad una giovanissima autrice friulana emergente

Articolo di Maura Delle Case, tratto da  «Il messaggero», domenica 6 gennaio 2013

TRICESIMO. Scrittori non ci s’improvvisa. E Aurora Ovan, giovane studentessa di Tricesimo, con la penna non ha improvvisato. Nonostante abbia soli 16 anni, il suo primo romanzo, Il mio destino – Clieh il potere della terra, uscito da qualche mese per la Seneca edizioni di Torino, è frutto di una lunga frequentazione della scrittura, incentivata da mamma Laomi e papà Paolo fin da quando era piccolissima. Aurora scrive ormai da ormai dieci anni.
Lo fa – parola sua – più per necessità che per passione. Per creare un mondo diverso, girare tra le lettere le vite dei suoi personaggi, regalare emozioni e brividi all’anima di chi legge. Ambizioso per una sedicenne. Lei si schernisce. «Non mi è mai piaciuto mettermi in mostra – confessa – e quando i miei amici raccontano ad altri che ho scritto un libro mi sento in grande imbarazzo». Vince comunque il richiamo di carta e penna (o forse dovremmo dire del più prosaico pc), tanto che Aurora, di romanzo, non si è accontentata d’averne scritto uno e nel mentre sta per essere ristampata la sua prima fatica, segno evidente dell’apprezzamento del pubblico, è già di nuovo al lavoro. «Ho deciso – spiega – di scrivere una trilogia. Da qualche mese ho iniziato a lavorare al secondo episodio di cui ho già scritto cinquanta pagine. Dovrebbe uscire entro la prossima estate».

Ma andiamo con ordine. Torniamo all’esordio. A Il mio destino, 192 pagine di puro fantasy che si possono acquistare su tutti i principali distributori di libri on line e anche in due librerie udinesi, alla Friuli e alla Moderna. Le vicende narrate nel romanzo ruotano attorno a Clieh, una giovane regina – che ha molto di Aurora – obbligata a occuparsi del suo Regno dopo la morte del padre e l’“abbandono” della madre. In quest’avventura, la protagonista non sarà sola: avrà al suo fianco una presenza che vive nella sua mente e che ne accompagna ogni scelta.

«Ho iniziato a scrivere questo libro – racconta l’autrice – nell’ottobre 2011, a 15 anni. Mi trovavo con le mani in mano durante un’ora di supplenza, a scuola, quando i pensieri iniziarono a indugiare sull’esistenza del destino. Partendo da quella domanda scrissi le prime pagine, poi una storia più lunga fino a quando mi sono trovata nelle mani un romanzo compiuto, un’avventura che era cresciuta con me». E che ha sedotto una casa editrice, la torinese Seneca, cui Aurora ha strappato un contratto addirittura decennale. «Per timore di un condizionamento negativo dovuto alla mia età, all’inizio ho spedito il manoscritto senza dire dei miei 16 anni – rivela -, poi però, quando a Torino lo hanno scoperto, non hanno fatto una piega.

Il suo futuro sembra scritto… e invece no. D’altronde, cosa ci si può aspettare di scontato da una giovanissima che alla sua “tenera” età ha già un romanzo all’attivo e uno in cantiere? Nulla. «Senz’altro, finito il liceo scientifico Malignani, andrò all’università», dice sicura. Lettere? Macché. Bioarchitettura. Le sue passioni? Oltre alla scrittura, cui dedica le vacanze e un paio di ore la settimana, «in genere la notte, perché prima viene lo studio», ci sono la danza del ventre e la musica. Leggere?

«Un dovere e possibilmente sarebbe bene cimentarsi un po’ con tutti i generi, anche quelli che non piacciono – suggerisce Aurora -. Mi sono tenuta per molto tempo alla larga dal fantasy perché non volevo essere influenzata, ma invece è importante conoscere il più possibile». Se deve dire grazie a qualcuno non ha dubbi. «È stata mia mamma – conclude -, fin da quando ero piccolissima (le sue prime cento pagine le ha messe insieme a soli dieci anni), a spronarmi a scrivere, a prendere in mano la penna ogni qualvolta non sapevo che fare. Ho due genitori fantastici: mi hanno sempre dato molta fiducia e mi hanno insegnato a fare tutto quello che so».

NOTIZIE SULL’AUTRICE

Aurora Ovan, studentessa del Liceo Scientifico delle Scienze Applicate Arturo Malignani di Udine, scrive racconti da quando ne ha memoria, da quando le hanno insegnato ad impugnare una matita. Scrivere non è un hobby, un lavoro, una passione per lei. È un’esigenza. Una necessità. Quasi un bisogno fisico. Poter creare un mondo diverso, poter girare tra le lettere le vite dei suoi personaggi a piacimento, poter regalare emozioni e brividi all’anima di chi legge. Narrare per lei significa concedere l’opportunità di abbandonarsi al piacere di un sogno che ti distoglie dalla realtà quotidiana. Significa regalare una visione diversa, offrire una dimensione surreale nella quale perdersi, significa catturare l’immaginazione e lasciare che sia essa stessa a guidarti. Scrive perché la rende in pace con sé stessa. Scrive per trasmettere ciò anche agli altri.(fonte:www.comune.tricesimo.ud.it)

LA TRAMA DEL PRIMO LIBRO

Clieh è una regina. Una giovane regina obbligata ad occuparsi di un Regno intero dopo la morte del padre e la codardia della madre, che ha preferito viaggiare invece che prendersi le proprie responsabilità. Ma Clieh non è mai sola: una presenza, una creatura, un’identità vive nella sua mente e la accompagna durante tutta la sua infanzia. Con lo scorrere del tempo, Clieh imparerà a conoscere un lato di sé tenuto nascosto e incredibilmente potente, mentre la guerra e gli incontri con altri giovani come lei cambieranno totalmente la sua vita. Ma la presenza che giace tra le sue membra e che di volta in volta le appare accanto carpirà ogni possibile sua scelta, cercherà di guidarla diversamente, di persuaderla, di convincerla a fare ciò che Egli vuole. Sarà capace, Clieh, di stringere tra le mani le redini della sua vita e cancellare la storia che il Destino aveva scritto per lei?(fonte:www.ibs.it)