Storie d’acqua

Storie d’acqua

Qui di seguito, alcune tra le mie storie preferite nelle quali l’acqua è protagonista.

Le ultime cinque, sono Senzaparole  (Wordless books o SilentBooks )

0-3 anni

Il fatto è

Gek Tessaro, Lapis, 2010

Il fatto è che la paperetta non si era ancora decisa a tuffarsi nello stagno. Così l’anatra, aiutata da tutta la fattoria, cerca di incoraggiarla… Una simpatica storia per accrescimento, dove si scopre che un aiuto, quando non richiesto, non è la migliore soluzione!

3-5 anni

Il bagno del tasso

Nick Butterworth, Piccoli, 1996 (collana: Il parco di Giacomo)

Il protagonista di questa serie è Giacomo il giardiniere, circondato dai suoi amici animali: una volpe, un coniglio, un tasso, un riccio, alcuni topolini e una piccola civetta. Giacomo riesce ad occuparsi di tutti, nonostante il suo lavoro nel parco sia molto impegnativo. Aiuta la volpe sbadata e un po’ freddolosa, il coniglio che non riesce a dormire durante il letargo, il piccolo riccio che vuole giocare con i palloncini, aiuta il tasso che ha bisogno di un bagno e… trova anche il tempo per dare lezioni di volo alla piccola civetta.

Grat grat cirp splash!

Kitty Crowther, Babalibri, 2011

Come ogni sera, sullo stagno scende la notte. E come ogni sera, Giacomo ha paura. Il papà gli legge una bella storia e lo abbraccia. La mamma gli fa un’ultima coccola. Poi Giacomo si ritrova da solo nella sua camera. Tutto solo nel suo letto. Tutto solo nel suo cuore. Credo di aver sentito un rumore… Chi fa grat grat cirp splash sotto il mio letto?

Una splendida giornata

Richard Jackson, illustrato da Suzy Lee, Terre di Mezzo, 2017

Per scacciare il nero di una giornata di pioggia puoi cantare, ballare o rotolarti tra i fiori. Con l’aiuto di un po’ di pastelli… aspettando che torni il sole.

Storia corta di una goccia

Beatrice Alemagna, Donzelli, 2010

Alberi tropicali, piante grasse, cascate di luce, mostri acquatici… un libro in grande formato per seguire la goccia nel suo viaggio avventuroso.

5-7 anni

Un grande giorno di niente

Beatrice Alemagna, Topipittori, 2016

Un giorno di noia, in vacanza in una casa isolata dal mondo. La mamma che lavora al computer. Insofferenza, sconforto, un po’ di rabbia e… via! Fuori, a correre sotto la pioggia, senza saper bene cosa fare. Un grande giorno di niente comincia così, con un ragazzino svogliato, un oggetto smarrito e una avventura imprevista nel bosco

La regina delle rane non può bagnarsi i piedi

Davide Cali, Kite, c2013

C’era una volta uno stagno dove le rane dormicchiavano, cacciavano e ogni sera, all’ora del tramonto, cantavano insieme. Un giorno, qualcosa cadde nello stagno e la prima rana che riuscì a scovarlo si ritrovò con una corona in testa. Divenne regina: non poté più bagnarsi le zampe né cacciare le mosche e venne distesa su una grande foglia in compagnia dei suoi servitori. In breve le rane dovettero servirla e smisero di cantare. Ma all’eccezionale esibizione di tuffi, anche la regina è invitata a partecipare. E quando la più grande tuffatrice dello stagno emerge dall’acqua senza corona…

Storia di goccia e fiocco

P.D. Baccalario, Alessando Gatti, Il castoro, 2013

Fiocco ha sempre volato dentro la sua nuvola. Ora vorrebbe tanto lanciarsi giù e posarsi in un bel posto. Ma il destino ha preparato qualcosa di diverso per lui. Un evento imprevisto, un incontro magico, un’amiciza speciale.

La diga

David Almond,

Roma : Orecchio acerbo, c2018

È un’alba nebbiosa nel Northumberland. Padre e figlia, lei con il violino in spalla, attraversano grandi distese d’erba: solo fiori e animali sul loro percorso verso poche case abbandonate. Tra poco tutto questo sparirà, l’acqua sommergerà ogni cosa e i grandi prati verdi diventeranno lo scuro fondale di un lago. Padre e figlia suonano, cantano e ballano, riempiono di musica le case, per non dimenticare. Quando giungerà, il lago sarà meraviglioso e la sua acqua conserverà per sempre le loro note. Una storia vera, diventa canto d’amore per la propria terra, per le terre di tutti coloro che le abitano…

Un giorno mio nonno mi ha donato un ruscello

Gaelle Perret

Donzelli, 2011

Questo libro è una poesia, un inno alla vita che scorre e attraversa le sue fasi senza mai fermarsi. Un ruscello che è come un testimone che il nonno passa al nipotino, come un ponte gettato tra le generazioni, un invito alla lettura insieme: nonni e nipoti, genitori e figli. Acqua, fiori, pesci, erbe selvatiche, alberi, sassi, uccelli, gocce, onde, dune di sabbia, e poi ancora indiani, vele, marinai, ghiacci e lame di pattini: le stagioni dell’anno e le età della vita si addensano lungo il ruscello…

C’era una volta un topo chiuso dentro un libro

EL, Monique Felix, 1989

Un topolino in fuga, che si ritrova intrappolato in un libro. Attorno a lui, solo il bianco della pagina. Che fare? Come uscire? Nel modo che solo lui sa fare a meraviglia. Rosicchia, rosicchia… ma sarà davvero un luogo sicuro quello che trova al di fuori del libro?

Chalk

Bill Thomson, Two Lions, 2010

Tre bambini passeggiano nel parco. Piove: non possono usare i giochi. Appeso ad uno dei giochi a molla c’è una borsa molto particolare che contiene dei gessetti colorati. Ognuno dei tre sceglie un colore e fa un disegno, nel punto in cui la pioggia non sta inzuppando il cemento e…

Flotsam

David Wiesner,  Andersen, 2012

È una bellissima giornata ed un ragazzino ha raggiunto la spiaggia con i suoi genitori.  Mentre gli adulti si rilassano, lui preferisce osservare gli animali e le conchiglie con il suo equipaggiamento. Ma non è certo preparato alla scoperta che lo attende. Un’onda gli getta tra le mani una strana macchina fotografica subacquea…  con un rullino di foto segrete da condividere…

L’onda

Suzy Lee, Corraini, 2008

Storia dell’incontro di una bambina con il mondo del mare: prima osservato curiosamente dall’esterno, poi sfiorato timidamente e infine “giocato” fra spruzzi e scherzi, con la compagnia di un buffo gruppo di gabbiani

La piscina

Ji Hyeon Lee, Orecchio acerbo, 2015

Ai margini della folla ammassata sulla piscina, un bambino trova il coraggio per tuffarsi in acqua. Tutti stanno a galla con i salvagenti, ma lui si immerge… Ma non resterà solo a lungo. Qualcun’altro -una bambina- è già immersa nel blu. E allora via insieme, alla scoperta di un mondo dove tutto è possibile, persino incontrare Moby Dick. Anche se poi bisogna tornare di nuovo in superficie. Bagnati e felici, condividono il segreto del mondo di sotto.