Laboratorio di kamishibai nella Biblioteca di Bertiolo

Le mie collaborazioni con le biblioteche mi hanno portato a Bertiolo. La biblioteca è piccola ed accogliente ed è situata accanto alla Scuola dell’Infanzia, non molto lontano dalla sede della scuola Primaria. Un luogo ideale per favorire la collaborazione tra i due istituti. Marica Stocco, la bibliotecaria, durante la delicatissima accoglienza che mi ha reservato in attesa dell’arrivo dei bambini, mi spiega che la biblioteca sta investendo sulle attività “di routine” per la scuola dell’infanzia e per la primaria, ma anche sulle attività più specifiche per le mamme in attesa e per i bimbi al di sotto della fascia NpL (che va dai 6 ai 36 mesi di vita), attraverso la scuola delle Doule. Si spalanca una porta su un mondo a me ingoto, e qui colgo l’occasione per re-indirizzarvi al sito: www.mondo-doula.it.

IMG_4427L’attività con la classe seconda della scuola primaria mi consente di sviluppare l’ultima delle cinque tipologie di percorsi che ho elaborato per quest’anno: il laboratorio di kamishibai. l’attività procede su due tappe. La prima prevede che i bambini scoprano cosa vuol dire illustrare, ed ascoltino due storie lette con l’uso del kamishibai. In seguito presento loro dei libri con illustrazioni di tipo diverso: da quelle estremamente elaborate e di grande effetto (le tempere di Alessandra D’Este; la carta a strappo di Gek Tessaro e il candore di Marije Tolman, solo per fare degli esempi), a quelle estremamente semplici come “Piccolo blu e piccolo giallo” di Leo Lionni, “Piccolo cerchio e gran quadrato” di Anne Bertier o “C’era una volta” di fabrizio Silei. Tutto questo gioco verrà ripreso nella seconda parte, quando i bambini potranno rappresentare una tavola di una storia che ideeranno con la loro maestra, illustreranno con me e rappresenteranno con il kamishibai.

I bambini hanno scelto i protagonisti, i luoghi, l’antagonista, l’oggetto magico. a me il compito di tirare le fila della storia, in modo da proporre una canovaccio che accontenti tutti… Per ora della storia sappiamo che i protagonisti saranno un drago ed un coccodrillo…

Appuntamento al 31 gennaio 2013!

 

 

“Dal rotolo all’e-book, passando per il libro” nella biblioteca di Dignano

Dal rotolo all'e-bookMi sono cimentata per la prima volta quest’anno nel proporre la storia della fabbricazione dei libri ai bambini delle scuole elementari. Attività riuscita per l’interesse e la curiosità dei partecipanti ed anche per la loro resistenza, poiché la prima parte – storica – prevedeva molto meno gioco rispetto alla seconda – ludica – nella quale i bambini hanno potuto giocare con formati di libro diversi, toccare con mano alcuni pezzi di storia del libro.

Dalla Cina a Pergamo, a Fabriano, passando poi per Magonza e intrufolandoci in alcuni monasteri speciali in Italia e Irlanda… abbiamo visto un rotolo di seta (Cina, 3000 a.C), le tavolette di argilla di Ebla (Siria, Aleppo, 2700 a.C), un pezzettino di papiro, le tavolette cerate di epoca romana, le riproduzioni a stampa di acluni codici miniati su pergamena.

Quando arriva la carta fatta a mano proveniente dal Museo della carta e della filigrana di Fabriano (1100 d.C), sono tutti distesi per terra con il naso all’insù, mentre sopra le loro teste passo a mostrare l’effetto che fa la filigrana in controluce. Carte di vari formati, pennini, inchiostri di china, un libro cucito e rilegato a mano.L’e-book che presenta “Alice in Wonderland” con i disegni originali di Lewis Carrolli affascina relativamente. Preferiscono giocare con i libri fatti di carta, con fionde, effetti ottici, illustrazioni che li spingono a cercare il dettaglio nascosto. Libri in scanimationpop-up sono molto apprezzati, ma anche la storia con il kamishibai (Il cavallo e il soldato, Gek Tessaro) ottiene il bis (L’albero e la strega, Gek Tessaro).

E qual è il libro più vecchio del Mondo? E quello più grande? Quello più piccolo? E quello più vasto? 🙂 Siete curiosi?

Il più vecchio è il Diamond Sutra, finito di stampare in Cina, l’11 maggio 868, ed è un testo religioso buddista.

Il più grande è il Klencke Atlas, donato dai mercanti Olandesi a re Carlo II d’Inghilterra per celebrare la sua restaurazione nel 1660.

Il più piccolo è posseduto dal museo Gutenberg di Mainz (Magonza). Ogni pagina del libro (3,5 x 3,5 millimetri), contiene il Padre Nostro in sette lingue.

Il più vasto è costituito da 730 tavole di pietra, con due facce ciascuna, ognuna è larga  107 centimetri, alta 153 centimetri e spessa 13 centimetri. E’ situato nella Kuthodaw pagoda ai piedi della collina di Mandalay, Myanmar (Burma) ed è anch’esso un testo religioso buddista. Ogni tavola di pietra possiede una pagoda che lo protegge, tutte disposte attorno ad una pagoda centrale.

E infine guardate che facce da… flag book!

Facce da flagbook

Come sempre, un caro grande grazie a Federica Domini, mitica bibliotecaria!

Storie su misura nelle Biblioteche del Sistema “Cuore dello Stella”

come di consueto la terza settimana del mese di novembre festeggia la giornata dei diritti dei bambini (21 novembre) e coincide con la settimana Nati per Leggere, dove le biblioteche enfatizzano maggiormente le attività di ascolto delle storie dedicate ai bambini dai 6 ai 36 mesi e dai 4 agli 8 anni.

C'era una volta... F. Silei - La reinterpretazione di AndreaHo avuto l’occasione di svolgere delle letture con laboratorio per i piccoli utenti delle Biblioteche del Sistema di Latisana, un’esperienza nuova ed indubbiamente divertente, nonchè ricca di utili stimoli per la mia futura organizzazione dei laboratori.

Nella biblioteca di Teor, ho avuto modo di sperimentare con successo il laboratorio di narrazione, tratto dal libro “C’era una volta…” di Fabrizio Silei, edito da Artebambini nel 2011. Nel libro viene presentata una storia composta da soggetti sempre diversi che l’autore crea partendo da alcuni pezzi di carta gialli e rossi tagliati in forme predefinite. Ispirandomi ai principi base dei Nati per leggere, dove è indispensabile che i genitori narrino le storie ai bambini se desiderano avviarli ad un amore costante per la lettura, ho pensato che l’attività di assemblaggio venisse condivisa tra bambini e genitori. Il gruppo ristretto di bambini e adulti ha permesso la buona riuscita dell’attività, garantendo il confronto e il divertimento.

Nella bella biblioteca di Rivignano ho avuto modo di cimentarmi con un gruppo di bambini più eterogeneo (età 3-8) e purtroppo per i più piccoli ho compromesso la buona riuscita del C'era una volta... F. Silei - la reinterpretazione di Matildelaboratorio. Avrei dovuto proporre un tipo di attività su due livelli, ma non ero preparata. Per le due coppie di bambini più grandi, il laboratorio di creazione/scomposizione di un animale fantastico (era il tema delle storie lette) a mano libera e in tandem è stato ben sperimentato. Per i più piccoli, nonostante l’aiuto dei genitori è stato troppo elaborato, poichè la loro concezione di spazio e di composizione è ovviamente limitata se non assente.

Nella biblioteca di Ronchis, ospitata in alcune delle stanze dell’istituto scolastico, c’è stata una grandissima affluenza di pubblico omogeneo (25 bambini). L’attività di lettura è riuscita molto bene, i bambini sono stati quasi tutti degli ottimi ascoltatori e sono riusciti a seguire le storie, cimentandosi poi nella narrazione a più voci di libri senza testo (“Il libro rosso” di Barbara Lehmann e “Oltre l’albero…” di Mariana Sadat) perfettamente riuscita, nonostante il gran numero di presenze potesse far sorgere qualche perplessità in tale sperimentazione.

Il tema delle storie era “un libro chiuso in una favola” e come attività di laboratorio i bambini hanno creato con le loro mani un flagbookcolorato.

Due esempi di flagbook

Un grazie speciale a Nada Minutti e a Maria Duratti, le bibliotecarie che ho incontrato in questa settimana e che hanno reso possibile con ogni mezzo la riuscita degli incontri!

“Animalibri” a Dignano: che spettacolo!

IMG_4379Pubblico curioso e attonito quello delle classi prima seconda e terza della scuola primaria di Dignano, che hanno assistito al laboratorio portando le loro conoscenze e facendosi catturare dal desiderio di scoperta di nuovi libri e nuove storie.

Non sono riuscita a realizzare il laboratorio, ma il momento di visione del materiale librario che avevo con me si è rivelato il miglior gioco, pur occupando il tempo che avevo riservato per il laboratorio.

Da soli, a coppie e a gruppetti, i bambini hanno sfogliato e toccato le storie, talvolta motivando da soli e reinterpretando le scelte degli illustratori.

 

Qualche simpatico commento:

Libri senza testo (La casa sull’albero; Il pallone giallo; Il libro rosso) :IMG_4614

“non ha messo le parole, perchè così ognuno si inventa la sua storia. Se no, che gusto c’è?”

problemi di prospettiva per “Il cavallo e il soldato”:

“Io non ho mai visto un cavallo grande come le case…”

In merito all’alfabeto Braille:

“Si sente con le dita!”

“Ma come si impara? E come si riconoscono le lettere?”

Il finale con il kamishibai ha concluso degnamente un lungo pomeriggio di narrazione e gioco.

Complimenti, bambini!

Libri illeggibili Bruno Munari

“Animalibri” nella biblioteca di Dignano

Sto ultimando la preparazione per il laboratorio di libri animati richiesto dalla Biblioteca Civica di Dignano. L’idea di base è esplorare dei libri in formato speciale (pop-up, con finestrelle, con i buchi, senza testo, con carte transvision, a fisarmonica, in formato testa coda, tattili…) per poi proporre ai bambini la ri-stesura della storia di “Giorgetto: l’animale che cambia aspetto” di Claudette Kraemer, edizione italiana a cura dell’Istituto Nazionale pro Ciechi. 

Partecipazione con iscrizione, però, dice che saranno presenti 30 bambini.

Stato: panico. Il numero è elevatissimo per la gestione di un laboratorio, ma gli splendidi spazi organizzativi della biblioteca lo consentono.

Lo zaino è fatto, tutto è pronto!

“Storie su misura” nella biblioteca di Talmassons

primo appuntamento con le letture per i bambini dai 4 agli 8 anni, si comincia con un pubblico nuovo in una nuova biblioteca.

Quindici attentissime paia di occhi contemplano con me le storie che racconto, per una lunghissima ora non vola una mosca, si sentono sono gli sbuffi di sorriso e il battito di mani quando le parole della storia si esauriscono e il libro si chiude. Ho davanti a me una platea di bambini molto allenati all’ascolto.

KamishibaiL’apoteosi arriva con le storie raccontate con il kamishibai, grazie a Gek Tessaro e al suo strepitoso “Il cavallo e il soldato”!

Grazie ad Angela, bibliotecaria precisa e appassionata, per l’accoglienza nella sua biblioteca e all’assessore alla cultura del comune di Talmassons per avermi dato la possibilità di raccontare nuove storie ai loro piccoli grandi lettori!

 

assaggialibri – “In viaggio verso di me”

In viaggio verso di meIn viaggio verso di me, Morgan Matson, Mondadori, 2011

È un anno terribile per Amy: sua mamma ha deciso di trasferirsi dall’altra parte degli Stati Uniti per seguire il figlio, inserito in una comunità di recupero. Amy li dovrà seguire, una volta terminati gli esami. Dovrà attraversare l’America con l’auto di famiglia. C’è solo un problema: non è facile lasciare la casa in cui si è cresciuti, la città che si ama, e soprattutto ricominciare a guidare dopo la perdita dell’adorato papà, proprio in un incidente d’auto. Per fortuna con lei ci sarà Roger, un amico d’infanzia quasi dimenticato che però si rivela un imprevisto compagno di viaggio. All’inizio c’è imbarazzo, ma Amy e Roger imparano presto a conoscersi: si raccontano piano, si scoprono grazie alle piccole cose. E così che decidono di deviare dal percorso messo a punto dalla madre di Amy, ispirati dal bisogno di vivere senza sconti le proprie emozioni. Ed è così che un viaggio obbligato si trasforma in un’avventura on the road, fatta di tanta musica, feste al college, continui stop in fast-food e stazioni di servizio, incontri sorprendenti e paesaggi indimenticabili. Con una valigia zeppa di ricordi e vestiti nuovi Amy proverà a reinventarsi e a trovare la sua strada. Il viaggio è solo all’inizio.

assaggialibri – “Furto al museo”

Crime club. Furto al museoFurto al museo, Ally Carter, De Agostini, 2011

Non è facile far parte della famiglia Bishop. A tre anni Katarina è andata al Louvre con i suoi genitori, per un sopralluogo prima di un colpo. A sette, suo zio Eddie l’ha trascinata in Austria per rubare i gioielli della Corona. Oggi è adolescente ed è pronta per il suo primo grande raggiro. L’obbiettivo? Frequentare il college più famoso del Paese e “tagliare i ponti” con il passato. Ma diventare una ragazza qualunque non è semplice come sembra… soprattutto quando un potente gangster è convinto che suo papà gli abbia rubato la sua inestimabile collezione d’arte. A Kat non rimane che una cosa da fare per aiutarlo: rintracciare il vero colpevole e rispolverare le sue fenomenali doti di ladra.

un assaggialibro:

-È una follia – sbottò Kat più a beneficio si se stessa che di Hale. – Rubare a questo Visily Romani, chiunque sia, è una cosa. Ma rubare… allo Henley? Cioè, anche se lo facessimo… – disse alzando lo sguardo verso Hale che cercava di tenere il passo – si tratta dello Henley

– Sì – confermò lui con tono tranquillo.

– nessuno ha mai rubato un quadro allo Henley –

– Sì – ripetè Hale, sentendo l’eccitazione salire.

Kat si fermò – Noi ne dovremo rubare cinque –

– Be’ tecnicamente, li ri-ruberemo – precisò lui con tono secco – È come raddrizzare un torto –

assaggialibri – Sherlock, Lupin & io

Sherlock, Lupin & io. Il trio della Dama Nera, Irene Adler, Alessandro Gatti, Piemme, 2011Il trio della Dama Nera. Vol. 1

Sherlock Holmes, Arsène Lupin e Irene Adler si incontrano per la prima volta a Saint-Malo, da ragazzini, nell’estate del 1870. Dovrebbero essere tutti e tre in vacanza, ma la sorte decide diversamente. I ragazzi infatti si ritrovano coinvolti in un vortice criminale: una collana di diamanti svanisce nel nulla, un uomo senza vita viene ritrovato sulla spiaggia e una sagoma scura appare e scompare sui tetti della città. La polizia brancola nel buio. Toccherà a qualcun altro risolvere il caso…

un assaggialibro:

Rimanemmo ancora un po’ seduti fuori da villa Ashcroft, facendo mille ipotesi sugli avvenimenti che ci stavano accadendo intorno, con l’incoscienza di quell’età meravigliosa. Eravamo molto affiatati: eravamo tre amici, tre gocce d’acqua. E nessuno di noi si poneva ancora troppe domande su cosa fosse giusto e cosa fosse sbagliato fare. Eravamo allegri, inquieti e coraggiosi. Giocavamo con la vita delle persone che ci giravano intorno con la più sconsiderata imprudenza. Forse perché la vita non aveva ancora iniziato a giocare con noi